GUARDA: La star dei Lakers LeBron James sarà entusiasta di Thomas Bryant che farà il pieno di Stephen Curry nell’esercitazione di allenamento

I Los Angeles Lakers non hanno fatto mosse rivoluzionarie quest’estate, ma almeno sono stati in grado di portare un paio di volti nuovi nella squadra. Uno di questi è Thomas Bryant, alto 6 piedi e 10, che potrebbe emergere come un’eccellente aggiunta di basso profilo a LeBron James and Co.

Un video di Bryant che drena alcune triple durante una recente sessione di allenamento sta attualmente facendo il suo giro sui social media – e comprensibilmente. In esso, il 25enne sembrava aver incanalato il suo Stephen Curry interiore mentre prosciugava trey dopo trey (h / t Dave McMenamin di ESPN):

Sappiamo tutti come LeBron James abbia bisogno di tiratori intorno a lui, e sembra che i Lakers abbiano proprio questo in Bryant. Il suo acume da oltre l’arco non è esattamente l’abito più forte di Bryant, ma sulla base di ciò che abbiamo visto da lui qui, potrebbe emergere come uno strecth five per Los Angeles nella prossima stagione.

So che era spalancato, ma Thomas Bryant che prosciuga cinque tiri consecutivi da 3 punti è comunque impressionante. Ha sbagliato il suo sesto tentativo, ma ha rimediato poco dopo affondando un trey fuori dal palleggio. Anche il suo colpo sembrava piuttosto impressionante, a dire il vero.

Per quel che vale, Bryant ha registrato una media di appena 0,4 triple la scorsa stagione con 1,6 tentativi a partita. Nelle due stagioni precedenti, tuttavia, ha prosciugato 0,8 trey per gara con una clip del 41,1%.

Bryant stava partecipando a una sessione di allenamento organizzata dal famoso allenatore di basket Rico Hines. James Harden e Tyrese Haliburton erano un paio di giocatori famosi che si sono uniti all’allenamento insieme a Bryant.

Lo stato dei colloqui di estensione di Andrew Wiggins con Warriors, ha rivelato

Un esultante Andrew Wiggins stava mettendo le bottiglie nella sua prossima “borsa” pochi minuti dopo che i Golden State Warriors[Maglia Golden State Warriors Poco Prezzo] avevano vinto il titolo. Anche se questo non è certo un’indicazione della sua potenziale frustrazione per non aver ricevuto un’estensione prima di raggiungere il libero arbitrio la prossima estate, fornisce comunque un contesto critico mentre le trattative contrattuali continuano con la direzione di Warriors.

Secondo Marcus Thompson II e Anthony Slater di The Athletic, sebbene Wiggins abbia avuto colloqui “preliminari” con Golden State per un’estensione del contratto, le parti non sono necessariamente vicine al raggiungimento di un accordo.

Ci sono già state alcune discussioni preliminari, ma nulla è imminente, secondo le fonti.

Wiggins sta uscendo da un’esibizione ai playoff che lo ha reso uno dei migliori giocatori di ruolo a due vie del basket. Non solo ha bloccato Jayson Tatum nelle finali NBA e ha reso la vita dura a Luka Doncic un round prima, ma è anche rimbalzato ai livelli migliori della carriera facile e ha servito da valvola di rilascio dinamica e affidabile quando le difese hanno perseguitato Stephen Curry. Golden State non avrebbe potuto vincere il suo quarto campionato in otto stagioni senza Wiggins.

Secondo quanto riferito, i Warriors hanno reso il mantenimento di Wiggins a lungo termine una “priorità” nonostante Draymond Green, Klay Thompson e Jordan Poole fossero idonei per le estensioni. Green ha un’opzione giocatore sul suo contratto per il 2023-24 e Poole sarà un free agent limitato la prossima estate a meno che non firmi un nuovo contratto prima della scadenza del 18 ottobre per l’estensione della scala da rookie. Thompson, d’altra parte, è sotto contratto per le prossime due stagioni per un totale di $ 83,8 milioni.

Wiggins guadagnerà $ 33,6 milioni nel 2022-23, l’ultima stagione del suo contratto massimo esistente, indipendentemente da dove andranno le discussioni sull’estensione da qui. Un’estensione di quattro anni con uno stipendio iniziale appena inferiore a $ 30 milioni, più aumenti annuali dell’8%, rappresenterebbe un valore equo sia per Wiggins che per i Warriors anche se c’è la possibilità che riceva un accordo leggermente più redditizio sul mercato aperto il prossimo luglio.Maglie NBA Poco Prezzo|Canotte NBA|Magliette NBA

Wiggins ha finalmente trovato casa nella NBA. Ha già chiarito che non vuole andare da nessuna parte e Golden State ha tutte le intenzioni di pagarlo. La domanda più grande ora sembra essere quando accadrà.

La star dei Blazers, Damian Lillard, rilascia una rivelazione scioccante sull’infortunio sul “rigonfiamento” che ha affrontato per quattro anni

Damian Lillard è stato un uomo di ferro per i Portland Trail Blazers per la maggior parte della sua carriera. Ha subito qualche infortunio qua e là, ma per la maggior parte non ha mai perso tempo significativo. Tutto è cambiato nel 2021, tuttavia, quando Lillard ha subito un infortunio addominale. Dame perderebbe gran parte della stagione 2021 a causa di quell’infortunio e del suo successivo intervento chirurgico.

Ora, sembra che Lillard sia pronto per tornare a fare le sue cose per i Blazers nella stagione 2022. Durante un’apparizione sui media, Dame ha rivelato che si sentiva meglio che mai dal suo intervento chirurgico. La star dei Blazers ha anche rivelato un dettaglio piuttosto preoccupante sull’entità del suo infortunio.

La storia di Lillard sull’avere un rigonfiamento nella zona pelvica dopo allenamenti e giochi è a dir poco preoccupante. Immagina di venire da un’intensa giornata fisica e di sentire immediatamente quel disagio. Sembrava che la star dei Blazers avesse sopportato questo dolore per più di quattro anni, secondo lui.

Fortunatamente per la base di fan dei Blazers, Damian Lillard sembra essersi completamente ripreso dal suo infortunio addominale correttamente. I Blazers sperano di fare un ritorno trionfante ai playoff dopo averlo saltato per la prima volta dall’anno da rookie di Lillard. Hanno costruito intorno a lui un roster completamente diverso, ma l’obiettivo rimane lo stesso.

Vedremo un nuovo momento Dame Time la prossima stagione per Portland? Hanno fatto alcune mosse interessanti nella zona di difesa, arruolando il rookie Shaedon Sharpe e acquisendo l’asso difensivo del breakout Gary Payton II in free agency.

La star dei Lakers LeBron James raddoppia le lodi del suo “gemello” Bryce James

La star dei Los Angeles Lakers LeBron James non poteva smettere di elogiare suo figlio Bryce James.

Dopo aver condiviso una foto schiacciata di Bryce e aver detto come vede chiaramente la visione e il futuro del suo secondo figlio, LeBron è tornato su Instagram ancora una volta per mostrare più sostegno al quindicenne.

L’attaccante dei Lakers ha condiviso la stessa foto che ha pubblicato sulla sua storia di IG martedì e ha definito Bryce il suo “gemello”, “asso” e il suo “giovane re”.

 

在 Instagram 查看这篇帖子

 

👑 (@kingjames) 分享的帖子

Oltre ad allenarsi e macinare in questa bassa stagione, LeBron James ha usato il suo tempo per legare con i suoi figli e aiutarli nelle loro imprese di basket. E chiaramente, la superstar dei Lakers ha apprezzato quello che ha visto finora da Bryce James e dal suo primogenito Bronny.

Solo un paio di giorni fa, LeBron ha avuto un momento di papà orgoglioso dopo aver visto Bronny giocare una partita a tutto tondo in un torneo di basket chiamato “The Battle”. Bronny ha avuto una schiacciata spettacolare durante la resa dei conti, che ha decisamente fatto girare la testa.

James sogna di giocare con suo figlio Bronny nella NBA e ha detto che ha intenzione di unirsi alla squadra che schiererà Bronny quando diventerà idoneo. Vale però la pena chiedersi se il leader dei Lakers possa aspettare anche il figlio Bryce e magari essere il primo trio di padre e figli a giocare in campionato.

Considerando la longevità di LeBron, non sembra un sogno impossibile, giusto?

Tyus Jones torna ai Grizzlies con un contratto biennale da 30 milioni di dollari

La free agency NBA ha aperto giovedì con un’esplosione di accordi in tutto il campionato. Ciò include i Memphis Grizzlies. I Grizzlies e la guardia Tyus Jones avrebbero concordato un nuovo contratto per due anni del valore di $ 30 milioni, secondo Adrian Wojnarowski, Insider NBA di ESPN.

L’agente di Jones, Kevin Bradbury di REP1 Basketball, ha confermato i dettagli.

Il playmaker di riserva dei Grizzlies sta uscendo dalla migliore stagione della sua carriera. La scorsa stagione ha segnato una media di 8,7 punti a partita, il suo record in carriera, uscendo dalla panchina a Memphis. Ha anche perso 4,4 assist a partita in 21 minuti e ha mostrato una maggiore efficienza. Jones ha abbattuto il 39 percento dei suoi tiri da oltre l’arco. Quel numero è anche il migliore dei suoi sette anni di carriera.

Jones ha davvero mostrato il suo valore quando la squadra era senza Ja Morant. La superstar dei Grizzlies ha saltato 25 partite la scorsa stagione e ha segnato un impressionante 20-5 in quelle partite. Ciò includeva vittorie su Golden State Warriors, Milwaukee Bucks, Miami Heat, Dallas Mavericks e Philadelphia 76ers.

Anche dopo aver firmato con Jones questo contratto, i Grizzlies hanno ancora spazio sotto il tetto salariale di $ 123 milioni. Sicuramente aiuta il fatto che Morant abbia appena raggiunto un limite di $ 12 milioni nella prossima stagione.

Ironia della sorte, il giocatore che guadagna di più con la squadra potrebbe non essere disponibile per iniziare l’anno. È stato rivelato che l’attaccante dei Grizzlies Jaren Jackson Jr. ha subito con successo un intervento chirurgico al piede per riparare una frattura da stress. Il suo calendario per un ritorno è compreso tra quattro e sei mesi, che potrebbero arrivare fino al 2023. Si prevede che incasserà oltre $ 23 milioni la prossima stagione.

Sarà interessante vedere cosa fa Memphis nel resto della free agency.

RUMOR: LeBron James, i Lakers perdono l’allenatore chiave contro Mavs

I Los Angeles Lakers stanno per entrare nella nuova stagione con tabula rasa. L’arrivo del nuovo allenatore Darvin Ham segna una nuova era per LeBron James and Co., che include anche una piccola revisione dello staff tecnico.

Secondo l’insider della squadra dei Lakers Brad Turner del Los Angeles Times, l’assistente allenatore Quinton Crawford ha deciso di lasciare la viola e l’oro per unirsi allo staff tecnico di Jason Kidd con i Dallas Mavericks:

Quinton Crawford lascerà i Lakers come assistente allenatore per unirsi allo staff dell’allenatore di Dallas Jason Kidd, hanno detto le fonti. Crawford è visto come un allenatore emergente e brillante nella NBA. È stato assistente di Frank Vogel con i Lakers nelle ultime 3 stagioni; era nello staff per il titolo 2020.’

Come afferma il rapporto di cui sopra, Crawford era un assistente di Frank Vogel. Il 31enne è stato parte integrante dello staff durante la corsa al titolo 2020 dei Lakers e ora sta portando la sua esperienza di campionato a Dallas.

Vale la pena notare che, proprio come gli altri assistenti allenatori di Los Angeles, anche Crawford è stato trascurato durante la ricerca da parte dei Lakers di un nuovo allenatore. Ora che Ham è seduto al timone, è chiaro che gli stanno dando tutta l’autonomia che vuole, il che dovrebbe includere l’assunzione del proprio staff tecnico.

Jaylen Brown emette un severo avviso di Stephen Curry ai Celtics

Mentre molto è stato detto sulle carenze di Stephen Curry come giocatore, Jaylen Brown e i Boston Celtics[Maglia Boston Celtics Poco Prezzo] hanno ricordato la sua grandezza in Gara 4 delle finali NBA. Ora, Brown si è preso il tempo per dare alla star dei Golden State Warriors il rispetto che merita.

Domenica prima della gara 5 a San Francisco, Brown ha elogiato Curry e ha sottolineato quanto sia bravo il tiratore scelto dei Warriors nel caso in cui le persone si siano dimenticate cosa può fare. I Celtics hanno lottato per trovare un modo per contenere la guardia superstar, ma questo non è un colpo alla loro difesa, ma piuttosto una testimonianza di quanto sia speciale Steph.

“Steph Curry è davvero bravo se non l’avete notato”, ha detto Brown, per Jay King di The Athletic.

Con i 43 punti di Stephen Curry su 10 rimbalzi e quattro assist in Gara 3 ancora freschi, sicuramente tutti ne sono consapevoli.

Per Jaylen Brown e i Celtics, tuttavia, questo è un obiettivo importante mentre si dirigono verso la resa dei conti cruciale di lunedì. Curry sarà sicuramente ancora una volta un giocatore fondamentale per i Warriors e, se Boston vuole batterli, devono almeno rallentare il 34enne e limitare le sue opzioni in attacco.

Curry è stato finora inarrestabile, con una media di 34,3 punti in quattro partite nelle finali NBA. Chiaramente, i Celtics devono fare un grande aggiustamento per assicurarsi che non diventi così caldo come l’ultima volta.Maglie NBA Poco Prezzo|Canotte NBA|Magliette NBA

La star di Warriors, Draymond Green, ricambia gli haters dopo l’epico traguardo delle finali NBA

Draymond Green ha giocato un ruolo chiave per i Golden State Warriors domenica sera quando hanno sconfitto i Boston Celtics in Gara 2 delle finali NBA, 107-88. Il talismano Dubs ha messo in mostra le sue capacità di regia contro Boston ottenendo sette assist record, in rotta verso una pietra miliare delle finali NBA per il 32enne.

Green ha registrato il suo 188esimo assist nelle finali NBA lunedì, superando due leggende NBA come Kobe Bryant e Larry Bird. La star dei Warriors è ora nella Top 10 di tutti i tempi per il maggior numero di assist nelle finali. Naturalmente, dopo questo risultato epico, Green ha dovuto inviare uno speciale shoutout ai suoi oppositori:

“Non male per un ragazzo che non può passare”, ha detto Green nel suo tweet.

Sulla base dei numeri nell’elenco, puoi effettivamente vedere Green salire ulteriormente nei ranghi durante questa serie di finali contro i Celtics. A seconda di come andrà a finire questa serie, la star di Warriors ha effettivamente la possibilità di diventare la numero 6 di tutti i tempi entro la fine delle finali. Green è anche a soli 22 centesimi dal sorpasso del grande Michael Jordan in questa particolare lista, ed è probabile che lo farà nelle prossime partite.

Come ha detto lo stallone dei Warriors nella sua dichiarazione sopra, non è affatto male per qualcuno che i critici pensavano non potesse nemmeno passare la palla.

L’allenatore di calore Erik Spoelstra diventa brutalmente onesto sulla vittoria delle finali Celtics-Warriors di Draymond Green

L’allenatore dei Miami Heat Erik Spoelstra non potrebbe fregare di meno della previsione di Draymond Green secondo cui i Boston Celtics li batteranno e avanzeranno alle finali NBA. Tuttavia, non ha problemi anche con i suoi giocatori a trovare motivazione da detti commenti.

Dopo aver vinto le finali della Western Conference contro i Dallas Mavericks, a Green è stato chiesto contro chi volesse giocare nelle finali NBA. Invece di rispondere alla domanda, l’ha cambiata su chi pensa che suoneranno, in cui ha risposto a Boston.

Ovviamente non è andato bene con i giocatori di Heat, con Udonis Haslem e PJ Tucker che hanno persino chiamato la star dei Warriors per la sua presa “cazzottata” dopo che Miami ha vinto Gara 6 per forzare un finale della Eastern Conference.

“Draymond ha infranto il codice. Non dovresti dire stronzate del genere. Ha lasciato che Shaq lo spingesse a dire delle stronzate che non ha motivo di dire. Non ho dormito molto dopo averlo detto. È stata una stronzata”, ha proseguito Haslem nei suoi commenti infuocati nei confronti del veterinario dei Warriors.

Da parte sua, Erik Spoelstra non ha criticato Draymond Green. I giornalisti hanno chiesto all’allenatore degli Heat se i commenti fatti dal leader del Dubs li hanno motivati, ma lui ha minimizzato e ha notato che il loro enorme obiettivo di vincere il campionato è già sufficiente per farli andare avanti.

“Abbiamo un grande, audace obiettivo. Questo è abbastanza motivante, ma se altre cose motivano i ragazzi non ho problemi con quello “, ha detto Coach Spo, per David Wilson del Miami Herald.

Gli Heat si sentono sicuramente più sicuri che mai dopo la vittoria in Gara 6. Non solo giocheranno Gara 7 in casa, ma sembravano anche aver trovato la soluzione per limitare Jayson Tatum e Jaylen Brown e battere i Celtics.

Il motivo per cui Stephen Curry se la cava con le chiacchiere spazzatura, secondo l’allenatore dei Warriors Steve Kerr

Stephen Curry ha segnato un brutto tre per portare i Golden State Warriors a nove nell’ultimo minuto di gara 2. Ha poi fatto il gesto selvaggio di mettere a letto i Dallas Mavericks.

Stephen Curry non è estraneo a celebrare i grandi secchi. Ma la star di Warriors raramente attira critiche per loro. È una delle superstar più amate e rispettate del gioco e apparentemente ha un passaggio per sciogliersi i capelli in campo.

Steve Kerr pensa di sapere perché. Sabato, al capo allenatore dei Warriors è stato chiesto delle buffonate di Steph Curry e aveva la sua teoria sul motivo per cui tutti lo vedono come il due volte MVP che si diverte.

Via NBC Sports Bay Area:

“Non mi dispiace tutto”, ha detto Kerr ai giornalisti sabato in una videoconferenza. “E penso che ciò che è degno di nota è che non credo che ci siamo imbattuti in avversari a cui sembra importare. Penso che Steph, il modo in cui si comporta, il modo in cui gestisce l’essere dall’altra parte di quel genere di cose, si rende conto che fa tutto parte del gioco e che i giocatori parleranno spazzatura durante il gioco, avranno le loro rappresentazioni teatrali”.

Stephen Curry ama il gioco e si diverte in un modo che attira meraviglia e divertimento dai fan che guardano a casa. È chiaro che le sue celebrazioni sono tratte da pura estasi piuttosto che cercare di sminuire qualsiasi avversario.

“Gli piace quella parte dello spettacolo. Ma c’è un’umiltà in Steph che anche le persone e gli altri giocatori della lega riconoscono. Quindi penso che lo rispettino, ed è per questo che se la cava, mentre alcuni ragazzi potrebbero non farlo”.

La star dei Warriors non vorrebbe altro che giocare per un altro ring NBA. I festeggiamenti di Stephen Curry durante le finali saranno sicuramente qualcosa da vedere.