Archivi categoria: Golden State Warriors

La star di Warriors, Draymond Green, ricambia gli haters dopo l’epico traguardo delle finali NBA

Draymond Green ha giocato un ruolo chiave per i Golden State Warriors domenica sera quando hanno sconfitto i Boston Celtics in Gara 2 delle finali NBA, 107-88. Il talismano Dubs ha messo in mostra le sue capacità di regia contro Boston ottenendo sette assist record, in rotta verso una pietra miliare delle finali NBA per il 32enne.

Green ha registrato il suo 188esimo assist nelle finali NBA lunedì, superando due leggende NBA come Kobe Bryant e Larry Bird. La star dei Warriors è ora nella Top 10 di tutti i tempi per il maggior numero di assist nelle finali. Naturalmente, dopo questo risultato epico, Green ha dovuto inviare uno speciale shoutout ai suoi oppositori:

“Non male per un ragazzo che non può passare”, ha detto Green nel suo tweet.

Sulla base dei numeri nell’elenco, puoi effettivamente vedere Green salire ulteriormente nei ranghi durante questa serie di finali contro i Celtics. A seconda di come andrà a finire questa serie, la star di Warriors ha effettivamente la possibilità di diventare la numero 6 di tutti i tempi entro la fine delle finali. Green è anche a soli 22 centesimi dal sorpasso del grande Michael Jordan in questa particolare lista, ed è probabile che lo farà nelle prossime partite.

Come ha detto lo stallone dei Warriors nella sua dichiarazione sopra, non è affatto male per qualcuno che i critici pensavano non potesse nemmeno passare la palla.

Il motivo per cui Stephen Curry se la cava con le chiacchiere spazzatura, secondo l’allenatore dei Warriors Steve Kerr

Stephen Curry ha segnato un brutto tre per portare i Golden State Warriors a nove nell’ultimo minuto di gara 2. Ha poi fatto il gesto selvaggio di mettere a letto i Dallas Mavericks.

Stephen Curry non è estraneo a celebrare i grandi secchi. Ma la star di Warriors raramente attira critiche per loro. È una delle superstar più amate e rispettate del gioco e apparentemente ha un passaggio per sciogliersi i capelli in campo.

Steve Kerr pensa di sapere perché. Sabato, al capo allenatore dei Warriors è stato chiesto delle buffonate di Steph Curry e aveva la sua teoria sul motivo per cui tutti lo vedono come il due volte MVP che si diverte.

Via NBC Sports Bay Area:

“Non mi dispiace tutto”, ha detto Kerr ai giornalisti sabato in una videoconferenza. “E penso che ciò che è degno di nota è che non credo che ci siamo imbattuti in avversari a cui sembra importare. Penso che Steph, il modo in cui si comporta, il modo in cui gestisce l’essere dall’altra parte di quel genere di cose, si rende conto che fa tutto parte del gioco e che i giocatori parleranno spazzatura durante il gioco, avranno le loro rappresentazioni teatrali”.

Stephen Curry ama il gioco e si diverte in un modo che attira meraviglia e divertimento dai fan che guardano a casa. È chiaro che le sue celebrazioni sono tratte da pura estasi piuttosto che cercare di sminuire qualsiasi avversario.

“Gli piace quella parte dello spettacolo. Ma c’è un’umiltà in Steph che anche le persone e gli altri giocatori della lega riconoscono. Quindi penso che lo rispettino, ed è per questo che se la cava, mentre alcuni ragazzi potrebbero non farlo”.

La star dei Warriors non vorrebbe altro che giocare per un altro ring NBA. I festeggiamenti di Stephen Curry durante le finali saranno sicuramente qualcosa da vedere.